Intervista AnimArmA

Energia&Sudore: sono sufficienti due parole per descrivere gli AnimArmA, power trio che propone puro Rock. Nostalgia? Autolesionismo? Può darsi, ma è il Rock il genere in cui i tre musicisti credono, ciò che sentono dentro le loro “anime”. Con questo nuovo disco la Band vuole mandare un messaggio chiaro, diretto, di protesta… che risvegli dal torpore generale, che illumini le menti e le coscienze delle nuove generazioni ed arrivi al cuore di chi ascolta…
“Il Rock non deve morire; noi stiamo facendo la nostra “guerra”, urlano…di questi tempi quasi un suicidio, in effetti, ma gli AnimArmA hanno intenzione di continuare a lottare comunque e a “testa alta”, senza perdere la speranza di far sentire la loro voce.

Ciao! Presentatevi… Da dove venite, chi siete?
Ciao a tutti!
Siamo gli AnimArmA, Alternative Rock Band di Modena nata nel 2011 e consolidatasi nel 2013. Due parole per descriverci: Energia & Sudore! Il primo lavoro discografico, “ANIMARMA”, esce nel 2014. A seguire “HORUS”, EP dallo stile nettamente più rock e personale. A marzo 2018 vede la luce “Millennials”, da cui è stato estratto il primo singolo con relativo Videoclip, “Vita Puttana”.
Ci presentiamo: Michele “Mik” Forgione (voce, chitarra, pianoforte), Alessandro “Benna” Benedetti (basso), Daniele “Danno” Bertinelli (batteria).

Qual è l’Artista che maggiormente vi ha ispirati? Sapreste consigliare un lavoro uscito negli ultimi 5 anni che ritenete veramente degno di nota? Perché?
Nonostante ci piacciano molti Artisti del panorama Alternative Rock, Metal e derivati, cerchiamo di mantenere il nostro sound il più originale possibile; volendo fare qualche esempio potremmo citare Tool per certi versi, qualcosa dei Linea 77, Foo Fighters, Verdena, Muse e quel cenno di Grunge dei Nirvana.
Consigliamo a tutti di ascoltare gli ultimi album degli One Republic per quanto riguarda melodie e liriche, e per impatto rock sicuramente l’ultimo lavoro dei Foo Fighters.

Parlateci un pochino del vostro ultimo lavoro… Come è nato?
Il nuovo EP si intitola “Millennials”.
Ritrae le nuove generazioni, coloro che portano avanti il mondo contemporaneo, tendenzialmente soggetti che stanno vivendo la digitalizzazione della società attuale enfatizzando scelte, cultura, usi e costumi, nei pro e contro dell’epoca del nuovo Millennio.
Dall’esubero dei Social Network e la perdita di contatto umano nelle relazioni al pressapochismo e la mediocrità del “tutto è dovuto”: concetti che abbiamo voluto esprimere nei testi delle nuove canzoni, nate come sempre dal lavoro di squadra della band e dello staff.
Mesi spesi in sala prove per la pre-produzione/scrematura dei brani e due settimane di produzione intensa presso il Freedom Recording Studio (punto di riferimento per l’etichetta Alka Record).

Qual è l’Artista più sopravvalutato e quello più sottovalutato della scena musicale italiana e non e perché?
In Italia gli Artisti sopravvalutati (specialmente quelli sotto major) sono come i “Rotoloni Regina”, non finiscono mai! Basti pensare ai numerosi personaggi che fanno questo nuovo genere denominato Trap (che noi definiamo un insulto alla Musica, chiedendoci se i giovani che ascoltano questo “letame” siano nati con una grottesca predisposizione all’assurdo).
Spostandoci in ambito Pop una Band troppo sopravvalutata è Lo Stato Sociale, reduce da un secondo posto a Sanremo…
Si definiscono Indie a tal punto da spacciarsi per rivoluzionari!
Visti dal vivo: imbarazzanti a dir poco… Bah, passiamo oltre……
In ultimo, parlando di Rock italiano, molto sottovalutati secondo noi sono i Verdena, dal vivo una bomba! Ma il Rock in Italia non sta attraversando un periodo particolarmente felice…

Progetti per il futuro?
Beh, innanzitutto fare in modo che “Millennials” arrivi alle orecchie di quante più persone possibile soprattutto grazie al nuovo singolo/Videoclip “Vita Puttana”, col la duplice prospettiva di espandere la “fanbase” ed essere considerati dagli “addetti ai lavori”, con la speranza di incrementare l’attività Live, che per noi è fondamentale: siamo sempre alla ricerca di occasioni per diffondere il “verbo” AnimArmA!

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *