Altro da Me – HipHoppio dei popoli

18

“Esiste un sistema, il sistema ci ingloba e ci impone delle regole, anche a costo di far piangere un bambino e scatenare polemiche sul web. Un comunista con il rolex risponde alle critiche. E Flaco dice la sua.”

La religione è il sospiro della creatura oppressa (…)è l’oppio del popolo
(Karl Marx, dalla Critica della filosofìa hegeliana del diritto pubblico)

Leggendo le cronache e le polemiche relative ai firma copie di Fedez e Jax mi è tornata in mente questa famosa definizione marxiana.
Non entro nel merito della questione. Però – sperando non se ne abbia a male – mi permetto di trascrivere il commento di una mamma a un mio post su FB : “Ho dovuto aspettare 2 ore in colonna (e confesso di aver barato, saltando più di metà fila) per portare mio figlio ad autografare il cd. Non ti facevano entrare senza il disco, era un FIRMACOPIE, c’era un regolamento. Cd aperto, foto ufficiale e via un altro, non ti godevi il momento, però (…) per il mio ometto é stata un’avventura e una grande emozione, che poi è il fine ultimo della musica: far sognare”
“Anche dell’oppio se è per quello” ho risposto io, d’istinto.
E subito dopo, complice il titolo dell’album in questione – “Comunisti col rolex” – le parole hanno cominciato a danzare e le cose a prendere forma. Il comunismo, l’oppio, la religione, la fila dei fan, l’ostia, l’autografo, il popolo, Marx , la genuflessione, l’artista, il sacerdote, l’attesa, il sogno, la religione, l’hip hop, l’hiphoppio.
L’ hiphoppio dei popoli.

 

Photo credits: Massimo Tuzio
Canzone: Paris, Break the grip of shame, “ The devil made me do it” track 5

18 Responses

  1. f.

    Oi Flacopunx,

    ebbene sì, il sistema mastica, inghiotte, digerisce un po’ tutto, non solo l’hip-hop.
    E alla fine lo caca fuori, avanti un altro.

    Firmacopie, meet & greet, posti vip, secondary ticket e ticket “memorabilia”: tutto tende a spremere soldi dalle tasche del pubblico che, comunque, ci sta.

    Io, per me, preferisco le persone ai personaggi: quelle che anziché aprire il proprio camerino per pochi (o tanti) paganti o fortunati (?) estratti a sorte, a fine concerto stanno tra il pubblico nello spazio pubblico.

    Qualcuno che conosci cantava “non fare di me un idolo mi brucerò / trasformami in megafono m’incepperò”.

    p.s.
    e i coleotteri live ?

    Rispondi
    • flaco

      Ti sei risposto da solo: il pubblico “comunque ci sta”…Cosa sarebbe il sistema in questo caso? Un alibi. Esistono sistemi capaci di imposizioni e obblighi, ma qui nessuno è obbligato a nulla. ll sistema non c’entra un caxxo. E chi cantava “non fare di me un idolo” parlava di contenuti. Qui di contenuti non ne vedo. Solo sogni di bassa lega

      Rispondi
    • flaco

      Ma non ce l’ho affatto con Fedez. Lui in realtà lo capisco benissimo. Caxxo, fai due scarabocchi e 4 pose e vendi cd e immagine. Passato l’imbarazzo di passare dai bambini per avere i soldi delle mamme, è tutto in discesa. Non fanno così anche quelli che vendono gli ovetti Kinder? Quanto al pezzo con Fedez, è verissimo. Come Punkreas bbiamo scritto un pezzo con Fedez x il suo primo album
      Eccolo qua:
      https://www.youtube.com/watch?v=y4FmbZeu2W4
      Vattelo a sentire e dimmi se trovi qualcosa che possa indurre a organizzare un firmacopie ahahahaha

      Rispondi
      • cristina

        Non avevo mai sentito “Santa Madonna” ! Effettivamente non si presta alle domeniche nei centri commerciali ! Stima! 🙂

        Rispondi
  2. fred

    Ciao Flaco, mi sento piuttosto in sintonia con quanto scrivi però poi penso, effettivamente il genere non mi hai mai acchiappato e non provo molta simpatia per l’hip hop (che trovo che abbia sempre un no so che di presuntuoso). Ma forse è proprio questo. Se non mi emoziona un genere o una filone musicale, è facile essere critici. Mi chiedo: ma per te sarebbe lo stesso se, sebbene evidenziando qualche contraddizione, stessimo parlando di un Joe Strummer…?,

    Rispondi
    • flaco

      Uh, con Joe Strummer caschi propri male. L’ho conosciuto a Bologna, lui suonava coi Mescaleros. Tutti gli altri pezzi grossi della serat (Offspring e non mi ricordo più chi) sono arrivati mezz’ora prima del set e sono ripartiti subito dopo. Lui ha passato la giornata con noi, e quando ha provato a salire sul palco per la sua esibizione abbiamo dovuto convincere la sicurezza che era proprio lui, perchè nn volevano lasciarlo passare ahahahah Una volta convinti, hanno fatto passare lui ma bloccato noi. Lui è tornato sulla rampa di salita del palco, ci ha presi sotto braccio e al grido di “My friends, my friends” ci ha trascinato sul palco a vedere il suo show. Che ti posso dire. Serve altro ?

      Rispondi
    • flaco

      Io ? Non penso proprio…Se Fedez ha più fan di Gesù non dipende da me. E neanche dipende da me che le chiese si svuotino e si riempiano i centri commerciali. La gente ha bisogno di credere a qualcosa, evidentemente.

      Rispondi
  3. Roby

    Troppa cultura religiosa, troppi riti, troppa sovrastruttura. Aridatemi la balalaika, almeno Fedez condito di pianti di mamme e bambini sarebbe uno spettacolo che non dovrei vedere.

    Rispondi
    • flaco

      Troppa cultura religiosa? Davvero? A me sembra che non ce ne sia proprio…Non che la rimpianga, anzi…Ma nemmeno vorrei che fosse sostituita dal vuoto pneumatico

      Rispondi
      • Roby

        Allora non vivi in Italia! E se manca la cultura religiosa non vuol dire che non ce ne possa essere un’altra. Il vuoto pneumatico sarebbe negare una struttura sociale. Ma non è che ti stai convertendo pure tu??

        Rispondi
        • flaco

          ahahahaha no, nessun rischio di conversione…
          Non a una religione monoteista, quantomeno 🙂

          Quanto al resto, è vero che rimangono i riti religiosi (sempre meno frequentati) ma la cultura religiosa in quanto tale non mi sembra più un fattore sociale veramente incisivo. Chi è che oggi si rivolge alla religione per orientarsi nel mondo? Tutt’al più la religione in Italia funiona come potere e come fattore identitario per contrapposizione ad altre culture religiose. Ma nessuno va più dai preti a farsi dare consigli o penitenze, secondo me

          Rispondi
  4. Beatrix Kiddo

    Beh, più che far sognare, in questo caso, la musica fa guadagnare chi obbliga dei fans, in questo caso dei bambini, ad acquistare il CD solo per poter ammirare per pochi istanti il proprio idolo. Oppio da un lato, guadagno dall’altro. Devo aggiungere a quale logica somiglia?

    Rispondi
  5. flaco

    Ma non si può obbligare nessuno a fare cose del genere…E’ una adesione puramente entusiastica e volontaria…Che secondo me riflette una dispersione e uno smarrimento che è più dei padri che dei figli…Che se da piccolo chiedevo a mio padre di mettermi in fila x una cosa del genere, sai dove mi mandava…ahahahah

    Rispondi
  6. Francesco

    Fedez è qualcosa di inascoltabile. Come ahimè la maggior parte del “mainstream alternativo” di oggigiorno … la definirei “omologazione alternativa” fatta di vuota mediocrità, che può vantare tra i suoi vari rappresentanti e testimoni anche i fantomatici “artisti” comunisti col Rolex … viviamo in universi colmi di ossimori e paradossi …

    Un caro saluto

    Rispondi

Rispondi a Francesco Cancel reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *