Intervista ai Family Business

I Family Business sono un duo acustico sul palco, per strada (nella loro attività di buskers, street artists) e una coppia nella vita di tutti i giorni. Arrivano all’album d’esordio dopo un successo sorprendente di una cover che ha girato “alla grande” su FB. Il disco è puntiforme, segue una linea per lo più pop con sfumature che vanno dal gipsy al folk.
Parla di vita, amore, sogni e speranze. Di strade da percorrere ed ostacoli da affrontare. E’ una sorta di “diario di viaggio” dei due componenti della formazione. E la regola principale è quella di non avere regole, vincoli e limiti sia per quanto riguarda il songwriting sia per la stesura dei testi.

1) Ciao!! Presentati/tevi. Da dove venite, chi siete?

Ciao siamo Alessandro e Carolina, in arte i Family Business, un duo sul palco e una coppia nella vita di tutti i giorni.

Come tutti gli artisti veniamo da un background di “tentativi musicali” che ci hanno portati, dopo anni di prove e concerti, ciascuno dei due con svariate formazioni, a ritrovarci un pomeriggio sul divano di casa nostra a dirci: “tu suoni, io canto…perchè non stiamo suonando assieme??”

E nulla…eccoci qua!

2) Quale è l’artista che maggiormente vi ha inspirati? Sapreste consigliare un lavoro uscito negli ultimi 5 anni che ritenete veramente degno di nota? Perché?

In realtà non c’è un artista in particolare al quale ci ispiriamo. il nostro è un genere variegato e indefinito che prende un po’ da tutte le correnti musicali. Non abbiamo una direzione precisa, la parola d’ordine è “Emozione”. Traduciamo in musica le vibrazioni positive che la vita ci offre.

Per quanto ci riguarda, gli ultimi 5 anni di musica hanno solo un nome : Bruno Mars. Ha stile , ha groove ed energia e, gli arrangiamenti beh..sono folli. Un genio!

3) Parlateci un pochino del vostro ultimo lavoro. Come è nato?

Il nostro disco d’esordio si intitola “Family Weakness” e ha avuto un processo di produzione davvero particolare!

Abbiamo deciso di affidarci ad una piattaforma di crowdfounding, inizialmente per realizzare un EP contenente 4 brani ma, visti i risultati raggiunti dalla campagna (abbiamo raccolto più del 200% del budget richiesto), siamo riusciti a registrare 3 brani in più del previsto e a coprire anche le spese di produzione del nostr primo videoclip

4) Quale é l’artista più sopravvalutato e quello piu’ sottovalutato sulla scena musicale italiana e non e perchè?

non esistono artisti sopravvalutati o sottovalutati. Trovo estremamente superficiale giudicare un libro soltanto dalla copertina. Ogni lavoro richiede dedizione e impegno. Al di là di raccomandazioni o strade facili, fare il musicista ,credo non sia cosa facile per nessuno, per questo ci asteniamo da ogni possibile giudizio.

5) Progetti per il futuro?

Tanti… la mente è sempre attiva e le idee non si fermano mai. Aspettiamo solo di vedere se il futuro sarà cosi roseo da regalarci solide basi sulle quali lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *