Intervista Ru Fus

Ciao Ru Fus presentati ai lettori di Ondalternativa.

Ciao, Ru Fus e’ il nome del mio progetto solista , sono un musicista pisano attivo da metà anni 90 , componente di diverse band come bassista come i primi Zen Circus, i The Bugz , i Reverberati e altri , a nome Ru Fus ho inciso l album d esordio nel 2015 omonimo cui ha fatto seguito il mini Ep “Tales” e il nuovo full lenght “In Fabula” uscito ad agosto , tutte pubblicazioni curate dal etichetta italo-inglese Ghostrecordlabel.

I tuoi testi sono personali e legati ad una persona del gruppo oppure c’è il contributo di tutti come succede nella stesura della musica?

Le musiche e i testi sono miei , solitamente descrivo situazioni che hanno colpito il mio immaginario , avvenimenti del passato o personaggi reali come ad esempio la figura del Joker di cui parlo su un brano del primo album o come di Pietro Pacciani di cui ho scritto un testo presente su “In Fabula”.

Come reputi il lavoro di “In Fabula, ad oggi, in base alle recensioni uscite, cosa pensi di migliorare/cambiare nel prossimo lavoro?

Sono molto contento di come ho sviluppato l ultimo album , sia dal punto di vista musicale che da quello dei testi , per il prossimo album non ho la minima idea di come si evolverà , il mio modo di fare musica e’ sempre stato uno stile Work in progress senza limitazioni e spazi definiti , comincerò le registrazioni tra l altro a breve .

Al tuo terzo disco ti senti più maturo rispetto al primo?

Non so se mi sento più maturo , di sicuro più consapevole e preparato per mettere in pratica quello che ho in testa , come ti dicevo suono da tanti anni e credo di aver accumulato una discreta esperienza però mi muovevo sempre all interno di vere e proprie band e questo invece essendo un vero e proprio progetto mio si pone diversamente sotto tutti gli aspetti.

Le band che hanno maggiormente influenzato il tuo sound?

La lista è infinita , mi limito alle prime cinque fondamentali in ordine sparso : Black Sabbath , Velvet Underground , Sonic Youth , Nirvana e Melvins.

Tipiace suonare Noise Grunge Rock, pensi di cambiare rotta e andare più su un altro versante? E nel caso cosa ti piacerebbe sperimentare?

Non so , non sono molto bravo a capire queste infinite suddivisioni di generi , alla fine la matrice e’ sempre rock n roll più o meno rumoroso e queste sono le coordinate stilistiche in cui mi sono sempre mosso pur con le differenze del caso , avendo vissuto in prima persona gli anni novanta quelli poi diventano giocoforza i miei riferimenti dal punto di vista sonoro e attitudinale .

Secondo te da un punto di vista dei live c’è più possibilità all’estero?

Sinceramente non lo so , non ho mai avuto la possibilità di suonare all estero e inoltre causa lavoro non riesco per adesso a programmare date dal vivo per promuovere i miei album.

Pagheresti per andare in tour con una band famosa?

Direi di no , il seguito lo si crea girando continuamente e facendo esperienza locale per locale serata per serata anche in situazioni scomode ma che rafforzano lo spirito e l unione della band , Pay to play proprio no.

Progetti futuri

A breve inizierò registrazioni nuovo album , prima però farò uscire un mini Ep accompagnato da un video , insomma diverse interessanti novità in pentola , per seguirci ti segnalo il mio sito www.ru-fus.it oltre ai soliti canali Facebook, Twitter e Instagram sia di Ru Fus che della Ghostrecordlabel .

Saluta i nostri lettori

Un grazie a te della possibilità concessami e a presto.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *