Live report Unveil Raze

Il prossimo live di questa calda estate giapponese è al Shibuya Garret (e voi vi chiederete “ancora a Shibuya?” Eh già, non avete idea di quante venue ci sono in questo quartiere!) ma questa volta Ondalternativa è venuta a dare una sbirciatina ad una band a noi nuova, quindi pass alla mano e via, giù per le scale di un’altra buia e sotterranea venue nei meandri di una delle città più vibranti del mondo: Tokyo.

DSC_0068 copy

TSUYOSHI

La band di cui parliamo questa volta si chiama Unveil Raze, formatasi a Nagoya JP nel settembre del 2011 e catalogata come extreme metal, fino a quest’anno ha calcato diversi tra i più importanti palchi nipponici: dal Summer Sonic 2015, collaborando con i Coldrain, all’Ozzfest, partecipando anche al Red Bull Live On The Road. Lo scorso Marzo è finalmente uscito il loro primo album “Nine” per la Agent Five Records/Universal.

DSC_0216 copy

RYO

Sono passate da poco le 19:30 ed eccoli apparire come seconda band della serata, prima degli headliner “I Promised Once” per l’ultima data del loro “Initialize Tour.”

Una bomba sul palco, una musica che parte subito a bombazza come un martello pneumatico che fracassa le membra (in modo positivo ovvio), uno stampo metalcore, a volte melodico a volte martellante, che fa sempre piacere ascoltare.

DSC_0409 copy

MASAFUMI

I primi otto brani sono proprio del loro nuovo album Nine (disponibile anche in formato digitale su Apple store) più veloci e incazzose rispetto alle più vecchie, molto più extreme, dove la batteria è sempre la protagonista indiscussa e veloce burattinaia che, insieme alla chitarra del leader (nonché compositore) Tsuyoshi, danno vita ad un sound dinamitardo e potente. Il cantato, un mix di clean vocals e growling/screaming, è in inglese, segno che la band potrebbe tranquillamente attraversare oceani e valicare monti per portare il loro stile anche qui da noi, in the far west (seguendo le orme dei cugini Coldrain).

DSC_0822 copy

TOKIYA & KOUSUKE

Non manca nemmeno la ballad che a metà performance va a calmare gli animi infuocati dei fan che hanno gremito il locale e si sono scatenati fino alla fine. Le ultime tre canzoni sono vecchi singoli, ma sono i classici tormentoni che una volta che li ascolti non te li levi più dalla testa, “Halfway Point” (una delle mie preferite e devo dire che live rende ancora di più) “Needless to Stay”, una sorta d’inno da fine estate che quando la ascolti ti rimembra tutti i bei momenti trascorsi in giro per il mondo o su qualche spiaggia lontana (no, non è una ballad, anzi… ma si sa’, noi metalheads non sogniamo con ballads ma con ritmi più duri e sostenuti LOL). “The Phoenix Reigns” potrebbe tranquillamente essere il vecchio biglietto da visita della band, che ci ricorda sempre e va a delineare il grande talento di questi ragazzi e la loro voglia di arrivare lontano.

DSC_0575 copy

TSUYOSHI

Che dire, gli Unveil Raze sono una di quelle band degne di nota, da 9 in pagella, da ascoltare (e vedere se possibile) ad alto volume, lasciandosi trasportare dai ritmi incalzanti e veloci e scatenarsi in qualche moshpit o pogo vecchio stile. Li attendiamo con ansia anche in Europa!

 

 

 

 

Setlist:

  1. Nine
  2. Trigger
  3. Red Jade
  4. Elegy of Mankind
  5. Why Are You Here
  6. Till The Rain Ends
  7. Heart on Fire
  8. Halfway Point
  9. Needless to Stay
  10. The Phoenix Reigns

 

Official Website

 

A cura di: Tatiana Granata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *