The Juliet Massacre – Human Abuse

L’ho atteso tanto – forse troppo – il nuovo capitolo discografico dei The Juliet Massacre. Sì perché dopo “Pray For An Afterlife” credevo seriamente che nulla sarebbe stato più come prima, un lavoro inarrivabile per chi ama lo slam brutal death metal. E invece no, mi sbagliavo. Perché con “Human Abuse” i nostri paladini abruzzesi sono riusciti nel difficile compito di andare oltre. Diciamocelo: se proprio dovessi dirla tutta l’unica cosa che non mi garba è la produzione. Perché mi chiedo io, tutta questa pulizia e precisione nel dare risalto e cristallinità a ogni singolo strumento?! Perché?!

Detto ciò chi ama avere a che fare con dischi tecnicamente eccelsi e dai suoni perfetti qui troverà pane per i suoi denti in quanto i The Juliet Massacre sono una band che sa il fatto suo e che non si risparmia di certo. E’ stata persino capace di chiudere il disco con “Gli anni di piombo”, brano in madrelingua che trasuda odio e grandi doti artistiche da parte del sestetto anche dinnanzi a una lingua tutt’altro che facile da usare in scenari extreme. Un gran lavoro che trova il suo apice in tre singole situazioni: “Her Violated Body”, “Freedom of Speech” e “The Tragedy of the Guns” dove i due cantanti più Julien Truchan dei Benighted in veste di ospite regalano un’esperienza unica a chi ascolta. Disumani, disagiati e tremendamente violenti, signore e signori viva i The Juliet Massacre!
 

Tracklist:

  1. Human Abuse
  2. Earth Annihilation
  3. Chocking the Last Breath – feat. Alessandro Falà
  4. Drown in the Dust
  5. Suffering in a Lake of Solitude
  6. The Tragedy of the Guns – feat. Julien Truchan
  7. Beaten & Killed
  8. Her Violated Body
  9. Freedom of Speech
  10. Slam Against the Injustice – feat. Radim
  11. 11. Gli anni di piombo

Profilo ufficiale The Juliet Massacre

9.0

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *