Siren Festival Rome Preview

Siamo felici di annunciare i nomi della preview romana del Siren Festival!

 

06.06 | ROMA – LARGO VENUE

 

Unknown Mortal Orchestra

“Sex & Food” è l’attesissimo quarto album degli Unknown Mortal Orchestra, uscito il 6 aprile su Jagjaguwar. Un album mutevole, contaminato da drum machine, funk, rock e psichedeliche melodie disco che sembrano provenire dirette dagli anni ’70. Registrato tra Seoul, Reykjavik, Città del Messico e Auckland, “Sex & Food” è una guida turistica per musicisti con la partecipazione di performer locali dei paesi visitati dagli Unknown Mortal Orchestra. Così apprezzato dalla stampa, anche in Italia, da finire sulla cover de Il Mucchio, e da essere incoronato disco del mese da Rumore,“Sex & Food” è la summa di oltre un decennio di sperimentazione di Ruban Nielson, che fin dal 2016 ha iniziato a lavorare su questo nuovo viaggio musicale, assieme a Jacob Portrait e Kody Nielson.

Le prime fonti di ispirazione sono state i lavori post-punk di Killing Joke e PiL. Poi è intervenuta la vita. Intrappolati nel terremoto devastante che ha colpito Città del Messico, Ruban e Jacob hanno cominciato a rielaborare il lutto e la devastazione attorno a loro: “Sex & Food” è dunque divenuto un album più personale, ma al contempo aperto al mondo, capace di spaziare da una semplice dichiarazione alla propria figlia come in “Huneybee” a una disquisizione politica come in “American Guilt”. Questo nuovo viaggio degli Unknown Mortal Orchestra che a novembre verrà presentato per la prima volta alla Royal Albert Hall di Londra non fa che riconfermare la vitalità e la forza di Ruban Nielson nell’attuale panorama musicale, e si afferma come un’ottima bussola emotiva e spirituale per percorrere gli strani e spesso difficili sentieri della nostra società.

 

Tune-Yards

Il progetto guidato da Merrill Garbus arriva a Roma per presentare  I can feel you creep into my private life, ’l’ultimo album uscito nel 2017 su 4AD. Nonostante in questo lavoro abbiano deciso di concentrarsi su temi importanti, come razza, politica, femminismo intersezionale e profezie ambientali, i Tune-Yards sono riusciti a produrre la musica più accattivante e ballabile della loro carriera. Afferma Merrill: “Alcuni dei richiami agli anni ottanta nella produzione fanno sembrare la mia voce robotica, per controbilanciare la sincerità dei testi. Ho iniziato campionando il mio canto in un MPC. Intrappolare il mio timbro vocale in una macchina mi è sembrato particolarmente adatto ad esprimere i temi affrontati nell’album.”

In ‘I can feel you creep into my private life’, registrato al Tiny Telephone Oakland e masterizzato ad Harlem da Dave Kutch (Jay-Z, Chance the Rapper), i Tune-Yards diventano ufficialmente un duo: il collaboratore di lunga data Nate Barner si è unito alla Garbus ed ha scritto e prodotto tutti i pezzo insieme a lei. Il duo ha anche collaborato con Mikaelin “Blue” Bluespruce (Solange, Kendrick Lamar). ‘Nikki Nack’, il precedente album dei Tune-Yards, è stato uno dei dischi più apprezzati del 2014 e dalla sua pubblicazione ad oggi Il duo ha collaborato con artisti del calibro di David Byrne, Laurie Anderson, Yoko Ono e Mavis Staples (per cui nel 2016 hanno scritto la straordinaria canzone ‘Action’ contenuta nel disco ‘Livin’ on a High Note’).

 

www.sirenfest.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *