Admiral Fallow – Tiny Rewards

“Tiny Rewards” è un album new folk, con tutto quello che questo termine può significare. E nella fattispecie significa un sacco di coretti, chitarra acustiche, piani martellanti e batterie a marcetta. In generale non è neanche male come disco, però sicuramente non è niente di nuovo o particolarmente innovativo.

Il suono è ricercato e figlio di molte melodie che si intrecciano tra di loro, ma la principale sensazione che lascia al palato è quella di una incapacità di raggiungere musicalmente l’obiettivo rimanendo sempre sospesi in questo insieme di suoni fino al momento in cui, alla lunga, il tempo sembra dilatarsi e la canzone non finire mai.
Gli esempi più lampanti di questo effetto sono “Happened in the fall” e “Sunday”, ma anche “Evangeline”, seppur in misura inferiore, regala le stesse sensazioni.
Come già detto in generale le sonorità sono anche complesse a tratti e quindi certi pezzi risultano anche interessanti, come ad esempio “Some kind of Life”, mentre altri potrebbero risultare interessanti se non fosse per il cantato di Abbott, sistematicamente monotono ai limiti della stecca e mai in grado di variare minimamente, oltre che veramente poco orecchiabile.

Nonostante l’inflazione del new folk come genere musicale provveda già di per se ad abbassare il livello medio della qualità del genere, questo “Tiny Rewards” non fa molto per elevarsi e distinguersi anche solo minimamente, lasciandoci un disco caruccio e orecchiabile dal sapore di già sentito e a tratti difficile da ascoltare.

01. As Easy as Breathing
02. Evangeline
03. Happened in the Fall
04. Good Luck
05. Holding the Strings
06. Sunday
07. Building as Foreign
08. Salt
09. Some Kind of Life
10. Liquor and Milk
11. Carousel
12. Seeds

Recensione a cura di: Pucc

5.0

5 5

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *