Alla scoperta dei Grammo di Soma

GRAMMO DI SOMA

L’eta ingrata

Grammo di Soma è rabbia, rassegnazione,non credere piu’, speranza,fiducia,amore,odio,pasta e fagioli senza cotiche, verita’…o non lo è…ma comunque una badilata sulla noce del collo. Così è come introduce il suo disco Antoine Iannone, da Napoli. One man band (suona tutti gli strumenti, compresi piano, synth e ocarina), autore di testi e musiche, con Gramma di Soma ci fa entrare nel suo microcosmo fatto di urla (e infatti tra le coordinate musicali cita lo screamo), rumori e progressioni slow core alla maniera dI certo post rock americano. Come dice giustamente Antoine, una badilata sul collo. Per palati come hanno le emozioni forti.

Il posto che ami e che odi di piu della tua città e perché

Napoli la ami e la odi. Nel contempo si hanno questi due sentimenti,almeno per me. Potrei dire che odio la zone industriale, la loro architettura, ,a perenne puzza di gasolio…ma la contempo la amo perchè m ha inspirato anche..quindi mi riallaccio a quanto detto sopra. Amo piazza Nazionale nel periodo natalizio, ma la odio perchè potrebbe essere solo amare una reminescenza dell infanzia..

Piazza nazionale

zona industriale, gianturco

Ci sono libri mode musiche posti che hanno influenzato il disco?

Come detto prima i posti che hanno ispirato l album,a volte col senno di poi sono le zone del mio quartiere, Poggioreale.Zone cariche..architetture asettiche,zone industriali, il vicino cimitero,il bus che non passa mai,il degrado,le nuvole grige sopra lo stazionamento dei tram. I miei ascolti non credo abbiano influenzato la composizione del disco. Almeno spero per chi mi ascolta, che trovi un disco con un indentita ben precisa e solida. Per la lettura invece, durante la composizione del disco intero(che è durata piu o meno 4 mesi), ho letto, sicuramente influenzandomi, cercando di seguire un fil rogue tutto mio: Sull oceano di De Amiicis,il mondo nuovo di huxley,solo di strindberg e la finestra d’angolo del cugini di E.T.A. Hoffman.

Definisci in poche righe il disco

Il disco cerca di esprimere la fine in tutte le sue sfaccettature. Dalla realizzazione della fine per qualcosa, che possa essere:amicizia, amore, lavoro, fine di un caro. Vorrebbe comprenderla mediante l inevitabile metabolizzazione, che pero’ potrebbe tardare.. Mi piace pensare che siano istantanee in musica del senso della fine…e in alcune il momento subito dopo della fine.

Definisci Il tuo guardaroba (con foto armadio se possibile)

Potrei definirlo essenziale e controverso. Due stili diversi e diametralmente opposti per le 4 stagioni. Molto hardcore in estate primavera e classico in inverno autunno.

Tua musica preferita per fare sesso?

E’ successo poche volte (non il farlo), che ci fossero i Team Sleep come sottofondo. Altrimenti nulla.

Qual è la cosa più bella del suonare dal vivo?

Per me è cercare e trovare l empatia col pubblico, lo scambio di emozioni. Relazionarsi col pubblico. Una pacca sulle spalle e una birra.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *