Brunori Sas – live report

Brunori Sas – live report
Berlino,
Grüner Salon Mitte,
27/11/2014

La data scelta per il concerto Berlinese di Brunori cade in una settimana particolarmente fredda: in generale non freddissima, anche considerato il fatto che la Germania del nord non è certo famosa per il clima mite e che il 27 novembre non ci si può aspettare clima da mare, ma sufficientemente fredda da avermi fatto maledire il vizio cane di non portare mai vestiti pesanti fino a quando non diventa vitalmente essenziale. Fortunatamente dal mio ufficio al luogo del concerto vi sono solo poche centinaia di metri che ho comunque intenzione di percorrere facendo ampio uso dei rinomati mezzi pubblici teutonici.

Mi incontro con la mia fotografa Eleonora LLR (il nome è di fantasia), che forse ricorderete per essere stata rimbalzata al concerto dei Calibro 35 (di cui trovate il live report su queste pagine), proprio fuori dal Grüner Salon. Fortunatamente per entrambi entriamo subito e questa volta in biglietteria accettano la tangente senza fare troppe storie. Il posto non è particolarmente grande e risente ancora dell’architettura sovietica con panni rossi di velluto che pendono dal soffitto e grossi specchi alle pareti dirimpetto alle altrettanto ampie finestre. In pratica ci troviamo catapultati indietro di una trentina d’anni. Questo è bene.

Una volta dentro subito la prima sorpresa: a quanto pare il furgone della band ha deciso di abbandonarli nel bel mezzo dell’autostrada tra Amburgo (dove suonavano la sera precedente) e Berlino, col risultato di farli arrivare al teatro circa un’ora in ritardo. Entrano trafelati passando tra la platea con gli strumenti in mano e con ancora indosso i loro giacchetti pesanti e le lunghe sciarpe di lana.
Ciò contribuisce a far sembrare il concerto un’evento molto più umano, con tutti i musicisti che si mettono a fare il soundcheck mentre il pubblico in silenzio attende impaziente di fronte.
Si crea subito una scena molto divertente, con Brunori che sistema gli strumenti parlando col fonico “Buzza” dalla parte opposta della platea prima ancora di salutare il pubblico che rimane in silenzio e in attesa, poi quando si accorge del fatto che diverse centinaia di persone lo stanno già osservando con la consueta giovialità saluta provocando una semi ovazione.

Poche decine di minuti e la band è pronta a iniziare il concerto: le prime canzoni, più tranquille, servono a riscaldare un po’ l’ambiente e la band infreddolita mentre Brunori, sulla falsariga del siparietto tenuto durante il suondcheck, introduce ogni canzone raccontando aneddoti e scherzando con il pubblico, nonchè giocando sugli stereotipi del calabrese un po’ smarrito e perennemente afflitto dalla “saudade” delle sue terre, stereotipi che in questo contesto (il pubblico è quasi esclusivamente composto da emigrati) risultano ancor più azzeccati.
Particolarmente divertente è la presentazione di “3 capelli sul comò”, in cui l’istrionico frontman racconta della telefonata avuta poche ore prima con sua madre la quale ha sentenziato che la causa di tutte le peripezie che aveva attraversato la band era “il malocchio” e si era dunque messa a fare il rito per spezzarlo.

Il pubblico risulta molto ricettivo e composto da appassionati che accompagnano cantando quasi tutte le canzoni e sopratutto i successi “Kurt Cobain”, “Mambo reazionario” e sopratutto “Italian Dandy”, ma il momento di massima partecipazione viene raggiunto quando, poco prima del commiato, partono le prime note di “Guardia ’82”: vuoi perchè una canzone ambientata in agosto e dal forte sapore di villeggatura estiva se cantata in una rigida serata di fine autunno scalda sempre un po’ il cuore, vuoi perchè il componimento dipinge molto bene quel periodo di fine adolescenza a cui inevitabilmente si guarda sempre con nostalgia, tra falò, chitarre, canne e amori che durano lo spazio di una vacanza.

Alla fine per la Brunori Sas non restano che gli applausi, tanti e sentiti, di un pubblico che ha fortemente apprezzato lo spettacolo fornito dal cantautore Calabrese tanto quanto ha apprezzato i siparietti e le storielle che hanno intervallato le canzoni.

Setlist:

Arrivederci tristezza

Fra milioni di stelle

Le quattro volte

Come stai

3 capelli sul comò

Kurt Cobain

Nessuno

Lei, lui, Firenze
Pornoromanzo

Paolo

Mambo reazionario

Un’estate fa
Italian Dandy

Il santo morto

Sol come sono

Guardia ’89

Rosa


a cura di
Pucc

 

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *