Colombre – Alcazar (Roma), 16.02.2024

A cura di Charlie Fuzz

Quando un concerto di Colombre è alle porte è come se la mia testa facesse già un viaggio multisensoriale, fatto di pantoni primaverili e di onde marine dolci che timidamente sbattono sulla scogliera adriatica.

Addirittura sembra di sentire anche i profumi forti che non porteremmo mai addosso (un BonBon Malizia per capirci) ma che, chissà per quale motivo, ci riportano indietro alla nostra adolescenza.


Non so se tutto questo è voluto o meno dall’artista senigalliese, fatto sta che tutti questi elementi puntualmente si riuniscono anche in questa occasione e l’Alcazar sembra essere il perfetto teatro per un evento di questo tipo.

Sono le dieci e il locale è già pieno e chi è dentro è già attentissimo all’opening del giovane Alaska, che già dal nome ci sposta in ambientazioni opposte ai climi “tropicali” che seguiranno.  

Un set minimale composto da voce e piano, fatto di pezzi per lo più malinconici e fondato sulle grandi qualità canore del cantautore. Tutto intramezzato da una cover (“Così celeste” di Zucchero) e chiuso dall’ottimo singolo “sto bene’” che devo dire, ho preferito in questa versione più intima rispetto all’originale.

Chiuso l’opening, Colombre e “le sue sirenette” si avviano verso il palco con un susseguirsi di abbracci.

Si parte con qualche volume basso di troppo per i primi pezzi e a pagarne ahimé sono soprattutto la voce e la tastiera di Boba. È il caso di dirlo, Maledizione.

La situazione si riassesta tra fragorosi baci al microfono, chorus celestiali e pezzi pescati tra i tre dischi finora usciti.

Non è un concerto basato sulla sola promozione di Realismo magico in Adriatico (2023) e questo mi piace.


A metà scaletta il trittico voce/chitarra
e violino: “Qualche specie di amore”, “Per un secondo” e “Allucinazioni”. Quest’ultima dedicata all’indimenticato Mirko Bertuccioli a.k.a Zagor, cantante e fondatore de I Camillas.

Successivamente torna sul palco la band al completo (e che band!) e sale anche lui, l’immancabile ospite di gran parte dei concerti romani, Franco126 per “Più di prima”. Non è l’unica faccia nota tra il pubblico dell’Alcazar, come spesso accade specie nelle grandi città. Da segnalare anche la presenza dei colleghi Colapesce, Dimartino, Psicologi e Giorgio Poi.

Si chiude senza bis e con le immancabili “Il sole non aspetta”, “Fuoritempo” e “Blatte”.

Un sorridente Colombre, sorprendentemente in borghese senza la fedelissima camicia, chiude abbracciando il suo pubblico e si prepara per le altre date del tour.

Ti aspettiamo per la prossima Giovanni, galleggeremo sulle onde ancora perché non siamo ancora sazi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *