Intervista a IO

Spaceseduction è un viaggio senza ritorno dove IO mette in discussione se stesso in un contesto attuale estremamente volubile come quello che l’Umanità intera sta vivendo. Una presa di coscienza sull’impossibilità di raccontare il nostro Tempo, quello in cui viviamo in una sorta di piano temporale parallelo colmo di confini e solitudini. A tutti gli effetti una rock opera, un viaggio musicale stupendo, in bilico tra rock, prog, electronica dark anni 80, derive pop italiane in cui niente è scontato, in cui è possibile tutto. Musica in completa libertà.

Prodotto in Inghilterra, arrangiato, registrato, mixato e masterizzato da Federico “Fed” Telesca al West Homesick Recording Studio di Sheffield, UK.

1)Ciao!! Presentati/tevi. Da dove venite, chi siete?
Sono un autore, compositore, paroliere e cantante italiano. Celo la mia identità indossando una maschera. Ho pubblicato nel 2017 il mio album d’esordio, iosono.IO.

2)Quale è l’artista che maggiormente vi ha inspirati? Sapreste consigliare un lavoro uscito negli ultimi 5 anni che ritenete veramente degno di nota? Perché?
Ce ne sono diversi. Non mi sono mai soffermato a ricercare chi, in qualche modo, abbia avuto influenza sulla mia musica. Consiglierei Origins dei God is an astronaut. Un album esplosivo. A me è piaciuto al primo ascolto.
3)Parlateci un pochino del vostro ultimo lavoro. Come è nato?
Spaceseduction è un viaggio senza ritorno. Un album “esperienziale”. Una presa di coscienza sull’impossibilità di raccontare il nostro Tempo, quello in cui viviamo in una sorta di piano temporale parallelo colmo di confini e solitudini. Prodotto in Inghilterra, arrangiato, registrato, mixato e masterizzato da Federico “Fed” Telesca al West Homesick Recording Studio di Sheffield, UK.
4)Quale é l’artista più sopravvalutato e quello più sottovalutato sulla scena musicale italiana e non e perché?
Il mio concetto di creatività non prevede la possibilità di classifiche. Lo ritengo un tentativo sterile. E poi perché dovrei attardarmi a dare questo genere di giudizi?
5)Progetti per il futuro?
Stiamo lavorando all’allestimento dello show dal vivo che sarà molto più simile ad una installazione più che ad un classico concerto live. Al momento siamo impegnati nella promozione del disco e in autunno saremo nei club di tutta Italia per presentare Spacesedution on stage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *