Intervista agli Impossibili

IMPOSSIBILI – Tra sogno e realtà (autoproduzione)

Giunti al settimo album gli Impossibili sono tornati al punk rock spensierato degli esordi con un sound più ricercato musicalmente e arricchito di arrangiamenti. In questo LP, sempre in bilico tra il sogno e la realtà, si alternano brani melodici come Sogno io e La cascina 480 in perfetto equilibrio con canzoni grintose e ritmi serrati sparate a velocità supersonica come Mi sveglierò o Divinità una scheggia quasi hardcore.
Ideato dal cantante ”Araya”, registrato al Toxic Basement studio da Carlo Altobelli, poi mixato e masterizzato in America dal “guru del punk-rock”, Mass Giorgini, che lo ha definito “una bomba sonora”.
L’album è composto da 13 tracce, 10 inedite e tre già pubblicate su varie compilation (Sul sedile con te,una vera hit generazionale, Risento la tua lagna in busta chiusa, storia d’amore non corrisposto ai tempi delle lettere e Non guardarti indietro, registrata in versione più lunga e completa).
Come sempre non mancano le citazioni ai loro gruppi preferiti, Ramones su tutti, ma anche Screeching Weasel e Queers. Insomma… il gruppo rimane sempre fedele alla linea del loro sound.
Tra le canzoni spicca Il singolo Finalmente sei arrivata, un vero tributo all’estate e alle vacanze, una rinascita compiuta assaporando ogni attimo in ogni posto, come valvola di sfogo ai mesi di reclusione.
Seguono poi brani profondamente ironici come Un like ancora o Reunion, e quelli d’amore come Fino all’alba, Ossessione, ma anche canzoni profonde come Hikikomori, un dialogo tra un ragazzo che è caduto vittima di questo fenomeno e l’autore.
Questo album sicuramente si presta a far cantare almeno tre generazioni di punk dalla prima all’ultima traccia..Un disco in cui centinaia di cori si intrecciano in una melodia che si fissa indelebilmente nel cervello.

1)Quale è l’artista che maggiormente vi ha inspirati? Sapreste consigliare un lavoro uscito negli ultimi 5 anni che ritenete veramente degno di nota? Perché?
Come tutti i gruppi italiani ci ispiriamo ai grandi nomi della musica americana. Ramones su tutti ma anche Toy Dolls, Screeching Weasel, Bad Religion.
Sinceramente è un po’ di anni che secondo noi non esce nulla degno di nota. Parere personale. I grandi gruppi sembra che ritornino al passato anziché proporre qualcosa di nuovo. Ma forse è una nostra impressione.

2)Parlateci un pochino del vostro ultimo lavoro. Come è nato?
Il nostro ultimo lavoro è un cd di 13 tracce dal titolo “tra sogno e realtà”. Spesso ci vengono in mente dei giri, degli accordi per alcuni brani, quando ne abbiamo un numero sufficiente li arrangiamo e finalmente diventano canzoni. Per quest’ultimo album abbiamo deciso di trovare uno studio di registrazione che registrasse le chitarre come piacciono a noi ed abbiamo trovato il Toxic Basement Studio. Successivamente abbiamo deciso di contattare per il mixaggio ed il mastering Mass Giorgini, il guru del punk americano. Il risultato è stato fenomenale.

3)Quale é l’artista piu’ sopravvalutato e quello piu’ sottovalutato sulla scena musicale italiana e non e perchè?
Secondo me è l’artista più sottovalutato nella scena italiana è Giovanni Lindo Ferretti perché era un precursore dei tempi.
Penso che sopravvalutati siano gli artisti italiani che ora fanno la trap perché hanno testi volgari e da spacconi e non meritano la popolarità che hanno avuto.

4)Progetti per il futuro
Per il futuro abbiamo già in cantiere un nuovo album al quale stiamo lavorando. Non ci fermiamo più.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *