Matt Berninger, nuovo singolo “One More Second”

Matt Berninger, frontman dei The National, presenta il nuovo singolo “One More Second”. L’album di debutto solista ”Serpentine Prison” è stato posticipato al 16 ottobre su Book’s Records via Concord Records/Caroline International.

 

In attesa di pubblicare l’album di debutto solista Serpentine Prison, Matt Berninger – frontman degli acclamati The National – presenta oggi il nuovo singolo “One More Second”. “Ho scritto One More Second con Matt Sheehy (Lost Lander, EL VY) con l’intento di creare qualcosa che fosse una sorta di risposta a “I Will Always Love You” di Dolly Parton, o se volete l’altro lato della conversazione,” afferma Berninger. “Volevo solo scrivere una di quelle classiche canzoni d’amore semplici e disperate che suonano alla grande in auto.”

Ascolta One More Second. Pre-ordina l’album.

La pubblicazione di Serpentine Prison è stata posticipata di due settimane, al 16 ottobre. Serpentine Prison, prodotto dal famoso polistrumentista di Memphis Booker T. Jones, uscirà su Book’s Records, una nuova etichetta formata da Berninger e Jones in collaborazione con la Concord Records .L’album vede il contributo di molti artisti tra cui Matt Barrick (The Walkmen, Jonathan Fire*Eater), Andrew Bird, Mike Brewer, Hayden Desser, Scott Devendorf (The National), Gail Ann Dorsey (David Bowie, Lenny Kravitz), Booker T. Jones, Teddy Jones, Brent Knopf (EL VY, Menomena), Ben Lanz (The National, Beirut), Walter Martin (The Walkmen, Jonathan Fire*Eater), Sean O’Brien, Mickey Raphael (Willie Nelson, Bob Dylan), Kyle Resnick (The National, Beirut), Matt Sheehy (EL VY, Lost Lander) e Harrison Whitford (Phoebe Bridgers). Alla produzione ha collaborato anche Sean O’Brien.

Berninger ha recentemente condiviso la title track accompagnata da un video girato da Tom Berninger e Chris Sgroi. Riguardo al brano Pitchfork ha scritto “il produttore e polistrumentista Booker T. Jones circonda Berninger di strumentazioni ornamentali, permettendo alla chitarra delicata e ai fiati funerei di creare lo sfondo per le sue meditazioni oscure. Le note d’organo rendono la favola più immediata; è come sentire un tipo in un bar canticchiare sulla melodia di una ballata country al jukebox,” mentre Stereogum ha affermato “lo stile sarà familiare e piacevole ai fan della band di Berninger, soprattutto il sound viscerale e poco elaborato dei primi album.”

Il secondo brano condiviso da Berninger è “Distant Axis” (il video è diretto da Matt e Tom Berninger e Chris Sgroi), apprezzato da Brooklyn Vegan per il suo “stile di scrittura malinconico però accompagnato in questo caso da un sottofondo acustico più disinvolto rispetto a quello che siamo abituati a sentire dai The National.” Boing Boing ha aggiunto che il brano è “incredibilmente bello”.

Riguardo all’imminente album Berninger afferma “Ho mandato all’amico e colaboratore Booker T. Jones qualche demo di inediti a cui avevo iniziato a lavorare con dei vecchi amici, tra cui i brani “Serpentine Prison” e “Distant Axis”. Booker mi rispose subito e mi incoraggiò a continuare a scrivere e scavare in profondità in quel materiale. Sei mesi dopo avevamo dodici inediti e sette cover. Tutti coloro con i quali ho lavorato a questi brani vennero a Venice, CA e registrammo tutto in 14 giorni.”

Oltre al suo lavoro con The National (con i quali ha vinto un GRAMMY nella categoria Best Alternativa Music Album con Sleep Well Beast del 2017), Berninger ha anche collaborato con Brent Knopf sotto il moniker di EL VY pubblicando nel 2015 Return to the Moon. Nel 2019 Berninger è apparso in Between Two Ferns: The Movie e ha affiancato Phoebe Bridgers nel brano “Walking on a String” per la soundtrack del film.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *