Mykyta Tortora, fuori ora il singolo d’esordio “Spring”

“Spring” parla degli amori adolescenziali e della semplicità con cui si dissolvono gradualmente, nonostantepossano essere per gli individui esperienze molto significative. Fortunatamente in “Spring” regna la consapevolezza del dolce declino e si fa riferimento proprio alla primaveraper accettare il periodo di massima fioritura, seguito dal seccarsi e diventare semplice sterparglia che verràrimpiazzata nel prossimo ciclo (anch’egli destinato a marcire) o bruciata con il calore dell’estate. Tutti i brani sono stati scritti, prodotti, mixati e masterizzati da Mykyta Tortora.

 

“But, just do me a favor
Scatter my ashes over the lawn we loved
Let ‘em land on the roots of future blooms
That a shy boy will give to his lover”

 

Mykyta Tortora, 22 anni e già attivo in una band post-punk (7mondays), si presenta con un lavoro solista molto intimo, registrato in maniera semplice, quasi “spartana”, con pochi strumenti in uno scantinato dal qualesono stati sfruttati al massimo i riverberi naturali. I brani sono malinconiche tracce di chitarra acustica che riportano alla scena del più genuino Midwest emo,contornate da riverberi abbondanti, chitarre elettriche limpide, brillanti e suoni psichedelici che richiamanol’attenzione di appassionati di post-rock e shoegaze.Il tutto accompagnato da melodie vocali nostalgiche, leggere e talvolta spensierate. “If There Were” è il suo EP di debutto.

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *