I Sanlevigo (feat. Le Cose Importanti) presentano “Effimere conquiste”

ph.Paolo Giordano & Luca Di Terlizzi

“Effimere conquiste” è il nuovo singolo dei Sanlevigo, secondo brano estratto dall’EP Eterociclico Vol.I in uscita a metà 2023 e distribuito da Artist First. Dopo “L’evasione, il ritorno”, realizzato in featuring con il producer e youtuber Daniele Montesi, la band alt-rock romana sancisce una nuova proficua collaborazione, quella con Le Cose Importanti, dando vita a un brano intenso ed elegante, sostenuto da riff robusti e solide batterie.

Nella scrittura del pezzo è stato centrale uno dei componimenti della raccolta “Satura” del 1971 di Eugenio Montale in cui il poeta si rivolge alla moglie defunta con il verso “Tu sola sapevi che il moto non è diverso dalla stasi”, lasciando intendere che esista una realtà più complessa di quella che riusciamo a percepire con i sensi e di cui entrambi erano a conoscenza. Partendo da questo concetto, “Effimere conquiste” sviluppa l’intimo dialogo tra due amanti che, in un momento di sconforto, ripercorrono, per farsi forza, tutte le difficoltà lasciate alle spalle e i piccoli traguardi raggiunti. Anche se insignificante o invisibile agli occhi degli altri, ognuno di quegli ostacoli superati rappresenta per loro un motivo valido per continuare sulla propria strada e costruire qualcosa di duraturo.

I SANLEVIGO PARLANO DI “EFFIMERE CONQUISTE”:
“Effimere conquiste” è un pezzo a cui siamo molto legati perché racconta in maniera implicita gli ultimi anni della band, dalle difficoltà che abbiamo dovuto affrontare fino alla paura di dover rinunciare ai nostri sogni. Come tanti, anche noi siamo passati attraverso momenti di sconforto in cui ci siamo chiesti se valesse davvero la pena continuare. Ad oggi però siamo felici di aver scelto di proseguire e siamo ancora più felici di poterlo raccontare con un brano che vanta la partecipazione di una band come Le Cose Importanti, con una storia alle spalle per certi versi molto simile alla nostra.

Credits foto: Paolo Giordano & Luca Di Terlizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *