The Waterboys a Milano

The Waterboys a Milano
Dopo il successo al Glastonbury 2015 la band di Mike Scott arriva in Italia

 

26.09.15 | TEATRO NUOVO – MILANO
Opening Act FREDDIE STEVENSON
Biglietti su www.ticketone.it

 

Dopo aver fatto scatenare il pubblico del Pyramid Stage ed essere stati incoronati dal Telegraph online tra i 5 migliori performer al Glanstonbury Festival 2015 “con una prestazione perfetta nella cornice perfetta”, i Waterboysarrivano in Italia per un imperdibile live. La band folk – rock britannica capitanata da Mike Scott sarà sul palco delTeatro Nuovo di Milano il 26 settembre, dove presenterà l’ultimo lavoro discografico “Modern Blues”, accolto con entusiasmo dalla critica internazionale, ed eletto sempre dal prestigioso quotidiano inglese tra i migliori album del 2015.
Durante il live, che sarà aperto dal talentuoso cantautore e chitarrista Freddie Stevenson, la band presenterà i brani dell’ultimo disco e non mancheranno i grandi successi che, dal 1983 a oggi, hanno reso celebre il gruppo, sempre pronto a rinnovarsi e a esplorare nuove strade musicali – dal rock al folk, dal gospel al country, passando per la musica popolare irlandese.
Come ha lo stesso Mike Scott ha dichiarato in occasione della pubblicazione di “Modern Blues”, “la gente dovrebbe aspettarsi l’inaspettato da The Waterboys”: una dichiarazione d’intenti che ha ispirato tre decenni di avvincenti trasformazioni musicali, e che anticipa grandi sorprese anche in vista dello show milanese.

 

Ascolta il nuovo singolo “The Girl Who Slept For Scotland” dal loro acclamato ultimo album MODERN BLUES

 

Guidati da Mike Scott, i Waterboys sono tornati, a quattro anni dall’ultima produzione discografica, con “Modern Blues”. L’album è stato registrato a Nashville dove i Waterboys Mike Scott e Steve Wickham sono stati raggiunti da alcuni musicisti americani: “Ho rinchiuso vecchie volpi e nuovi amici”, ha raccontato Mike.  Ralph Salmins, un pilastro alla batteria negli ultimi 4 anni, appare accanto a Scott e al magico Waterboy Steve Wickham, che tesse un vertiginoso incantesimo con il violino su diversi brani del disco.
Nuovi arrivi sono il tastierista di Memphis “Brother” Paul Brown e David Hood, il leggendario bassista dal periodo d’oro dei FAME studios e Muscle Shoals: “Ho l’uomo che suonato il basso con Aretha Franklin!”, ha detto Scott ridendo. “Lui e Paul hanno avuto un enorme impatto sul nostro suono.”
“Modern Blues” contiene 10 tracce, racchiuse in un disco rock’n’roll elettrico, eclettico, soul, audacemente a ruota libera, con un contorno di anima del sud. Ecco la tracklist: Destinies Entwined, November Tale, Still A Freak, I Can See Elvis, The Girl Who Slept For Scotland, Rosalind (You Married The Wrong Guy), Beautiful Now, Nearest Thing To Hip, Long Strange Golden Road.

 

www.mikescottwaterboys.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *