Volbeat, “Rewind, Replay, Rebound” domina le classifiche

La band rock danese multiplatino Volbeat è entrata al #27 della Billboard Top 200 con il settimo album in studio, “Rewind, Replay, Rebound” [Vertigo/Virgin/Universal]. Il disco è disponibile qui in svariati formati, tra cui un’edizione deluxe in 2CD, uno speciale cofanetto deluxe edition e vinile trasparente e blu, limitati a 1.000 copie ciascuno. Ma non finisce qui perché il singolo “Last Day Under The Sun” è al #1 della Billboard Mainstream Songs Chart e al #1 dell’Active Rock Radio Chart. Si tratta del settimo primo posto nell’Active Rock, raggiungendo così il record stabilito dagli U2, come band europea con più #1 nella Mainstream Rock Songs.

I Volbeat registrano un grande successo in tutto il mondo!

#1 Austria, Belgio, Germania, Svizzera

#2 Danimarca (#1 fisico)

#3 Finlandia, Olanda, Norvegia

#4 Svezia

#7 Spagna, UK

#8 Canada Billboard Top 100

#17 Polonia

#27 US Billboard Top 100 (#2 Rock Album Sales, #5 Top Current Albums, #6 Top Album Sales)

#57 Italia

#62 Francia

 

Il quartetto non ha alcuna intenzione di fermarsi o rallentare nel 2019. Attualmente impegnato in tour in Nord America con gli Slipknot come special guest del Knotfest Roadshow North American Tour con Gojira e Behemoth, arriverà in Europa da fine settembre con Baroness & Danko Jones. Unica data italiana 14 ottobre al Fabrique di Milano.

A questo punto della loro già solida carriera, i Volbeat hanno aperto per Metallica, Motörhead e Slipknot, hanno ottenuto una nomination ai Grammy del 2014 per la categoria Best Metal Performance 2014 per “Room 24” e hanno vinto numerosi Danish Music Awards. Per questo album, scavano nelle loro storie personali e in quelle del loro genere. La canzone “When We Were Kids” vede i Volbeat rimuginare sull’immortalità e l’innocenza che noi tutti viviamo ingenuamente durante la nostra gioventù, mentre “Rewind the Exit” e “Die to Live” esplorano il fatto che la ricerca della perfezione può essere un obiettivo vuoto.

Rewind, Replay, Rebound è stato prodotto dal collaboratore di lunga data Jacob Hansen e co-prodotto da Rob Caggiano e Michael Poulsen. È il primo disco in studio con Kaspar Boye Larsen al basso. Per ottenere il suono dell’album, la band ha anche invitato una miriade di ospiti. Oltre a lavorare nuovamente con la cantante Mia Maja su diversi brani, si sono anche riuniti con l’Harlem Gospel Choir. Il cantante dei Clutch Neil Fallon è presente in “Die to Live”, come risultato del tour insieme e dell’amore per lo stile rauco e potente del cantante. Anche Raynier Jacob Jacildo (piano) e Doug Corocran (sassofono) della band di JD McPherson mettono a disposizione della canzone il loro talento. “Cheapside Sloggers” presenta un assolo di chitarra stravagante del chitarrista degli Exodus e degli Slayer, Gary Holt. In definitiva, i Volbeat non hanno perso la passione di creare e progredire. È quello che li mantiene affamati e musicalmente onesti nel nuovo album.

I Volbeat nascono a Copenhagen nel 2001. Da allora, si sono fatti strada con tour infiniti e cinque album di grande successo. L’ultimo disco in studio “Seal The Deal & Let’s Boogie” ha debuttato al #1 in sette Paesi (Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia, Belgio, Austria e Svizzera); in Canada e Norvegia è entrato al #2, negli USA al #4 e in UK al #16. Di recente la band ha pubblicato Let’s Boogie! Live At Telia Parken, un film-concerto e album che documenta il loro storico concerto tenuto nel 2017 a Copenaghen dinanzi a 48.250 fan, il più grande show mai suonato da una band danese in patria.

 

DATA IN ITALIA
14.10 • FABRIQUE • MILANO

 

 

www.volbeat.dk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *